Top egoitaliano arrow
egomag egoitaliano Divani Tatami modulabili: lo stile del futuro

Divani Tatami modulabili: lo stile del futuro

Autrice: Angelica Alberti

Più che divani, io li definirei piattaforme modulari da comporre e scomporre per accogliere in modo informale. Abolito ogni schema rigido grazie alle sedute che possono essere accostate a piacere, rappresentano isole di comfort dove godere di puro relax. Un esempio?  Il divano Babouche di Egoitaliano.

I divani modulabili Tatami sono ampie e soffici sedute dalle forme regolari, possono avere o meno lo schienale e i braccioli e avere il rivestimento in tessuto, pelle o ecopelle. Le cuciture che profilano i volumi hanno il più delle volte la finitura del bordo taglio a vivo e colore a contrasto.

 

Come restano uniti i diversi elementi dei divani componibili?

In alcuni casi sono volutamente lasciati indipendenti, opportunamente zavorrati, in altri sono presenti sistemi con cerniere e cinghie per connetterli con semplicità e praticità.

Trasformabili in daybed (letteralmente letto da giorno), questi divani spesso mutano la loro funzione anche in pouf o sgabelli bassi. Particolarità di molti divani tatami è quella di avere i cuscini zavorrati con funzione schienale. Grazie a particolari materiali alla base che ne aumentano la stabilità, questi cuscini possono essere appoggiati in qualsiasi punto dell’imbottito senza che vi sia il pericolo che si spostino.  Il divano L’Ego di Egoitaliano è uno di questi!

Che ve pare? Modularità, funzionalità, “divani tatami” vi adoro!

Divani modulari colorati: la proposta di Egoitaliano

Se siete alla ricerca di divani Tatami, oltre a Babouche e L’Ego, date un’occhiata anche al divano Selfy, è un’isola di relax caratterizzata da morbidezza e comfort senza precedenti.

Articolo precedente Articolo successivo